Abbanoa a Su Idanu

Nel 2014 sono stati realizzati i lavori di efficientamento della rete idrica del quartiere di Su Idanu. L’intervento, progettato e gestito da Abbanoa, rientrava in un finanziamento più ampio destinato alle reti dei comuni della Provincia di Cagliari. Poiché le risorse economiche non sarebbero state sufficienti ad efficientare l’intera rete di ciascun comune, il progetto è stato modulato affinché interessasse solo alcuni ambiti specifici all’interno dei singoli centri urbani.
A Quartucciu, Abbanoa ha deciso di sostituire la rete di Su Idanu, interessata negli ultimi anni da frequenti perdite d’acqua dovute all’obsolescenza delle condotte. I lavori hanno riguardato via Portoscuso, via Siliqua, via Giave, via Guspini, via Cossu, via Vivaldi, via Bellini, via Verdi, via Rossini, via Scarlatti, va Mascagni, via Paganini.
Le condotte di via Monteverdi e via Corelli, invece, sono già state sostituite negli anni scorsi.

In Sardegna, il 6% della rete idrica di distribuzione (471 km su 7738) è realizzato con condotte in cemento amianto.
L’amianto o, più correttamente, l’asbesto è un materiale fortemente nocivo per l’uomo e la sua pericolosità è legata all’esposizione respiratoria alle sue fibre. Al contrario, non è stata dimostrata alcuna correlazione tra patologie intestinali e l’ingerimento delle fibre di amianto e infatti anche l’Organizzazione mondiale della sanità e l’Agenzia europea dell’ambiente abbiano escluso tale pericolo.
Tuttavia negli ultimi decenni si sta conducendo un’azione di dismissione di tutti i manufatti di amianto perché, oltre ad essere potenzialmente nocivi, sono soggetti ad un rapido degrado che compromette l’efficienza degli impianti di cui fanno parte.

Prima di questo intervento, la rete di distribuzione idrica di Quartucciu si sviluppava per 34 962 metri di tubazioni:

  • 15 834 metri di cemento amianto
  • 14 932 metri di ghisa sferoidale
  • 4540 metri di polietene
  • 1766 metri di acciaio.

A Su Idanu sono stati sostituiti 795 metri di tubazioni in cemento amianto e 1315 in polietene, grazie alla posa di 2110 metri di nuove condotte in ghisa sferoidale rivestita, materiale più affidabile e duraturo. Sono stati sostituiti anche tutti gli allacci privati con la posa di tubazione in multistrato e piantoni in acciaio zincato rivestito. Alla fine delle strade senza uscita, sono stati installati idranti per garantire la necessaria sicurezza pubblica. Le vecchie condotte non sono state rimosse, ma slacciate dalla rete, svuotate e disattivate con la chiusura delle saracinesche. Questa soluzione consente di risparmiare sui costi di smantellamento, poiché l’interramento garantisce un’ottima soluzione di “smaltimento naturale” anche per le tubazioni in cemento amianto.

Al termine dei lavori, la nuova rete di quartiere è stata mappata digitalmente con l’inserimento dei dati delle opere realizzate in un sistema georeferenziato conforme al SITR della Regione. Per Abbanoa, la disponibilità di un Sistema informativo territoriale delle opere idriche, aggiornato e completo, garantisce migliori livelli di gestione, con la riduzione delle perdite e dei costi di intervento per la ricerca e riparazione dei guasti.

Pubblicato in Su Idanu e taggato con , .